mercoledì 14 marzo 2018

Focus on: Tempo di libri 2018



Buon mercoledì!!!!
Com’è iniziata la vostra settimana? La mia bene, anche se fisicamente devo riprendermi dalle camminate frenetiche di Tempo di Libri (davvero, ho macinato km su e giù da un padiglione all’altro e da uno stand all’altro) ma è stato ancora una volta bellissimo.
La mia giornata è dedicata a rispondere alle mail arretrate,  alla programazione di post, alla lettura e soprattutto a scrivere questo post riassuntivo di questa seconda edizione di Tempo di Libri che si è svolta non più a Rho ma a Portello : gli stand visti dall’alto lasciano davevro senza parole.
 Vi avviso, sarà come sempre in queste occasioni, un post abbastanza lungo: perdonate il mio essere prolissa!
Anche quest’anno ho avuto la fortuna di passare due giorni in fiera e nonostante la stancheza fisica (inizio a pensare di star invecchiando davvero precocemente), sono davvero soddisfatta del tempo trascorso fra gli stand e gli incontri. Quello che davvero più apprezzo di queste manifestazioni è l’aria che si respira: ovunque volti lo sguardo ti trovi circondata da appassionati come te, di tutte le età, con cui chiaccherare in coda per un incontro, scambaire consigli agli stand, anche solo sorridersi notanto le borse che ognuno trasporta. 
 Prima di tutti ringrazio Veronica di Innamorata di un libro con cui sono riuscita a fare quattro chiacchere domenica mattina: è sempre un vero piacere incontrarti, spero che ci sia presto una nuova occasione.
Ammetto che nella giornata di venerdì non ho partecipato a molti incontri, perché io e il mio inseparabile trolley viola facevamo lo slalom da uno stand all’altro, mentre domenica sono riuscita a seguire un paio di incontri per lavoro (non so se ve l’ho mai detto ma lavoro in biblioteca) e alcuni per piacere: da appassionata di cucina e di Masterchef, non potevo non partecipare all’incontro di Simone e scoprire la sua esperienza nel talent culinario.
Prendo un secondo per ringraziare la “crew”: mamma e le sue due amiche che mi hanno sopportato e supportato da uno stand all’altro, anche quando mi fermavo mezz’ora  a parlare e che non hanno proferito parola di fronte alla mia evidente pazzia da shopping compulsivo.
Ebbene siete curiose di scoprire il mio folle bottino? Premetto che sono mesi che acquisto solo ebook e la mia libreria nuova si sentiva abbandonata, quindi non potevo non accontentarla.
Per prima cosa mi sono scordata di far la foto a “La corona di fuoco” di Sarah J. Maas : da quando ho saputo che la Mondadori ha deciso di continuare la serie (fortunatamente) ho pensato di rileggerla tutta e ovviamente il terzo volume (quarto se si conta la racolta dei racconti prequel) mi mancava. Alla Mondadori ho acquistato anche “Ghiaccio come fuoco” di S. Raasch che ancora non avevo letto, da LSWR il secondo capitolo della serie di R. Mead “Midnight Jewel” che ho recensito qui, allo stand della Kappalab “La ragazza che saltava nel tempo” e la versione manga di “Cime tempestose” che ho regalato ad un’amica.
“Shatter me” di T. Mafi è stata la sorpresa del Libraccio insieme a “Lo sapevi che I love you?” di Estelle Maskame e “Finalmente ci sei” di Tijan, secondo volume della serie: acquistarli a metà prezzo devo dire che dà sempre una bella soddisfazione.
Alla Newton, oltre al meraviglioso poster che regalavano per chi acquistava con la citazione di Shakespeare nel mio caso, io e mia mamma abbiamo approfittato dell’offerta di 3 libri a 9.90 e dunque ho preso  “Amore reale” di Emma Chase (mia mamma ha comparto due thriller) e poi non potevo lasciarmi scappare “P.S. I like you” di K. West che sono mesi che voglio leggere.
Alla Triskell ho acquistato la versione cartacea di “Verso la base” di Kate Stewart che ho appena letto per la RARE Reading Challange e “Roses” di Maria Claudia Sarretzu: le recensioni arriveranno nei prossimi giorni!
Non potevo non fare un salto alla Sperling e come potete immaginare non sono uscita a mani vuote: “Paper heir” di E. Watt (che ho letto in lingua a settembre) aspetta solo di essere riletto per poi potermi tuffare su “Cracked kingdom”, “Begin again” di Mona Kasten che da giorni mi incuriosiva e dulcis in fundo “Ti aspetto da sempre” di Ava Dellaira perché dopo aver amato il suo primo romanzo sono curiosissima di leggere questa nuova storia.
Ultimi acquisti, ma non per importanza, sono quelli dello stand della Delrai: diciamo che ho svagligiato lo stand! Venerdì ho acquistato “Awaken” di Barbara Bolzan perché devo concludere la magnifica serie su Rya, “Il nomade” della meravigliosa Jane Harvey-Berrick e lo steampunk di Eveline Durand “Collezione privata”. Ma domenica, dopo il continuare a pensare, sono tornata allo stand e mi sono tuffata su   “Echo” di Rachel Sandam e su “Fino a perdermi nel tuo abbraccio” di Denise Aronica, che ringrazio per la dedica e mi scuso perché fusa com’ero non l’ho riconosciuta immediatamente. 


Il tutto contornato dalle varie shooper super carine e dai vari gadget.
Inoltre spero che molti di voi abbiano preso la spilla dedicata alla candidatura di Milano come capitale Unesco della letteratura!!!!
 Ebbene  so di essermi dilungata troppo ed inizio ad aver fame, quindi vi chiedo solo un consiglio: da quale libro inizio?!

12 commenti:

  1. Che meraviglia! UN'esperienza grandiosa! Grazie per aver scelto che io e il mio ECHO potessimo farne parte <3 Un bacio e a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La trama mi ha conquistata: ci ho pensato due giorni e non potevo non comprarlo! <3

      Elimina
  2. Grazie a te, Fra! Come sempre, è stato un piacere incontrarti! Spero anche io di avere presto l'occasione di fare due chiacchiere un po' più lunghe!
    Un bacio <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo capiti presto l'occasione!!! <3 <3

      Elimina
  3. Che bel bottino Francy!
    Invidia pura per quest'esperienza bellissima che deve essere stata Tempo dei Libri. L'anno prossimo spero di unirmi anch'io anche se io a te ti vedrò al Rare e preparati perchè ti tempesterò di messaggi ah ah
    Leggi P.S. I love yuo a me è piaciuto tantissimo!
    Curiosa di leggere cosa ne pensi di Verso la base a me è piaciuto anche se alcune volte è un pò surreale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "P.S. I like you" è da mesi che lo voglio leggere: lo inizierò prestissimo!!!
      La recensione di "Verso la base" arriverà nei prossimi giorni ;)

      Per il RARE non vedo davvero l'ora: sono super emozionata e sarà comunque bellissimo condividere un'esperienza del genere!!!
      Spero che l'anno prossimo tu possa venire a TDL *__*

      Elimina
  4. Ma figurati, non hai niente di cui scusarti :D anche io ero più di là che di qua tra ansia e stress! Comunque sia, grazie ancora per essere passata e per aver preso il romanzo *o* ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per la dedica! Non vedo l'ora di iniziarlo! <3

      Elimina
  5. Che bel bottino che hai portato a casa! Sono curiosa di conoscere il tuo parere su alcuni di questi titoli!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne ho già finito uno e iniziato un altro!!! Presto pubblicherò le recensioni ;)

      Elimina
  6. Ciao! Sono stata l'anno scorso a "Tempo di libri", la ricordo proprio come una bella esperienza! Hai fatto un bel bottino, hai solo l'imbarazzo della scelta...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le fiere come TdL, il SalTo etc lasciano davvero un bel ricordo...un po' meno contento è il mio portafiglio ;)
      Troppa indecisione!

      Elimina