martedì 26 luglio 2016

Recensione "Emancipated. L'altra faccia della libertà" di M. G. Reyes



TITOLO: Emancipated. L’altra faccia della libertà
AUTORE: M. G. Reyes
PAGINE: 367
EDITORE: Harper Collins Italia
DATA DI PUBBLICAZIONE: 16 Giugno 2016
PREZZO SU AMAZON: 13.60 euro (cop. Rigida) 6.99 euro (ebook)
Il bad boy, la brava ragazza, la diva, lo sportivo, la rocker, la nerd: sei ragazzi bellissimi e legalmente liberi dal controllo dei genitori per varie ragioni, ma con una cosa in comune: un segreto da nascondere. Segreto nr. 1: non tutti sono ciò che sembrano. Ora vivono insieme in una casa a Venice Beach, si comportano come se appartenessero a una grande famiglia e vivono le proprie bugie. Uno ha assistito a un delitto, un altro potrebbe essere un assassino... e un terzo è lì per spiarli. Segreto nr. 2: la libertà ha un prezzo. Mentre si aggrappano a un sogno di libertà e abbassano la guardia, il passato di soppiatto si avvicina. E quando uno di loro viene arrestato, la facciata accuratamente costruita degli altri si sgretola. Segreto nr. 3: la verità viene a galla... Sempre. Fino a che punto saranno disposti ad arrivare per nascondere il passato? E chi tradiranno per proteggere il proprio futuro? Raccontato dai sei punti di vista dei protagonisti, "Emancipated. L'altra faccia della libertà" è il primo romanzo di una serie in cui le relazioni vengono messe alla prova e i mondi si scontrano in un perverso gioco di indovinelli.

La mia opinione

Buongiorno a tutti! Come state? Siete già in vacanza? Per me è ancora presto, ci andrò anch’io! :D
Ma basta distrarsi e parliamo di questo libro uscito a Giugno per la Harper Collin Italia e che non ho ancora ben deciso come inquadrarlo, ovvero “Emancipated. L’altra faccia della libertà” di M. G. Reyes.
Prima di tutto partiamo dal titolo e da ciò che significa emanciparsi: un minore, in California basta che abbia almeno 14anni, e che sia in grado di amministrare da solo le sue finanze può vivere da solo previo consenso dei genitori/tutori.
Candace e Grace sono sorellastre ed è dalla loro emancipazione che parte tutta la storia: per far sì che Candace abbia possibilità nel mondo del cinema si trasferiscono a Los Angeles e in particolar modo a Venice Beach (quanto l’ho amato quel posto, respiri un’aria così unica che difficilmente ho rivisto in altri luoghi) ma la madre della ragazza non le permetterà di vivere sole e quindi dovranno trovarsi 4 coinquilini.
Gli altri coinquilini saranno Paolo (il palyboy e giovane tennista), John-Michael (che è appena diventato orfano), Lucy (la rocker musicista) e infine Maya (la nerd informatica).
Tutti hanno il proprio passato e i propri segreti, ma qualcuno ha più scheletri nell’ armadio di quando ci possiamo immaginare. Tutti sperano che il passato non li segua più, ma ovviamente il destino ha in serbo ben altro.
Come vi dicevo trovo difficile inquadrarlo perché da un lato mi è piaciuta molto l’idea dell’emancipazione, di questi segreti che ognuno nasconde e pian pianino il lettore inizia a comprendere, ma dall' altro lato lo stile non è sempre stato scorrevole, il salto fra i vari pov era essenziale per capire i personaggi, il loro passato, ma a tratti irritante.
Il finale e il capire cosa sta dietro a tutto ha dato una bella sterzata alla storia, peccato sia stato sul finale.
Non mi sento di bocciarlo perché alcuni punti mi sono piaciuti davvero tanto, così come l’ambientazione (amo Venice e amo LA, quindi ha giocato a suo favore nel giudizio) e soprattutto il messaggio che non si può scappare e basta dal passato, dai propri segreti e dal proprio lato oscuro, sono cose che vanno affrontate per andare avanti.

4 commenti:

  1. Ciao Belle, darò certamente una chance a questo libro allora! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ely! bene, fammi poi sapere dopo averlo letto!!! <3

      Elimina
  2. Io non ne ero molto attratta prima e la tua recensione mi ha convinta che non da per me. Qualcosa mi dice che rimarrei molto delusa dal finale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sinceramente non so ancora oggi, e non so se leggerò il seguito. Sicuramente non lo metto fra le mie priorità letterarie!

      Elimina